Jump to content

SchwarzMini

Direttivo
  • Posts

    7,429
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    167

Everything posted by SchwarzMini

  1. Ciao buugo, non sono un esperto, ma rifacendomi alle informazioni che trovo in rete non c'è da aspettarsi troppo dai sistemi anti missile. "E’ una precisazione superflua, ma necessaria: nessun sistema missilistico di difesa (USA/Russia) potrebbe azzerare un attacco di saturazione di una potenza nucleare. L’attuale tecnologia non è semplicemente in grado di arrestare un massiccio attacco missilistico. Il programma BMD statunitense ad esempio: è stato progettato per sperare di intercettare una manciata di missili provenienti dall’Iran o dalla Corea del Nord. Non esiste uno scudo di difesa antimissile in grado di azzerare una minaccia stratificata di proiezione lanciata da una potenza nucleare. Ed è un dato inconfutabile.". Articolo completo: Russia: "Con soli dieci missili cancelleremo la vita negli Usa" - ilGiornale.it https://amp.ilgiornale.it/news/mondo/russiacon-dieci-missili-cancelleremo-popolazione-americana-1636472.html Credo quindi che l'affermazione di Einstein che hai riportato sia ancora valida. E forse questa è la migliore garanzia che non scoppi la terza guerra mondiale perché la perderebbero (perderemmo) tutti. Se Putin impazzisse i suoi generali lo fermerebbero.
  2. Non ti preoccupare: agli Stati Uniti non importa nulla dell'Ucraina. Se avessero messo mille soldati al confine, o in giro per Kiev, Putin non avrebbe mai dato inizio all'invasione. Massima solidarietà agli ucraini che pagheranno un pezzo altissimo. Noi al massimo soffriremo un po' il freddo e saremo un po' più poveri o meno ricchi.
  3. Putin fa gli interessi strategici della Russia (ma non gli interessi dei russi che diventeranno ancora più poveri) e sogna di entrare nella Storia come colui che ha riunificato tutte le Russie (prima o poi si prenderà pure la Bielorussia?). Biden fa gli interessi degli Stati Uniti: imporre a Germania, Italia e altri paesi di trovarsi nuovi fornitori di energia e materie prime (anche se a prezzi maggiori), evitando di dipendere da Mosca che è il nemico. Noi europei occidentali dobbiamo barcamenarci con la situazione che ci danno gli altri. Peggio andrà agli ucraini che si sono trovati al posto sbagliato nel momento sbagliato. Per quanto riguarda il gas Stati Uniti, Gran Bretagna e in parte la Francia cercheranno di massimizzare i disagi, Germania e Italia di attenuarli. Putin e Biden (e gli apparati che gli stanno dietro) sono lucidissimi. Nessuna possibilità che l'esercito russo attacchi le Repubbliche Baltiche.
  4. Se vende un concessionario è prevista anche la garanzia di un anno che aiuta a stare più tranquilli. Chiederei le condizioni e i limiti di questa garanzia.
  5. Buonasera Carmelo, benvenuto!
  6. Buongiorno, la F56 è la tre porte, la F55 cinque porte. Chi vende è un privato o un concessionario? L'assistenza è sempre stata eseguita in BMW? C'è la cronologia tagliandi? Di che hanno è l'auto?
  7. Buongiorno Roberto, benvenuto su LMM!
  8. Semplici scaramucce che sono iniziate dopo l'annessione della Crimea alla Russia nel 2014. Del resto una battaglia navale tra USA e Russia farebbe scoppiare la terza guerra mondiale che nessuno vuole.
  9. Il riconoscimento da parte della Russia delle Repubbliche di Lugansk e Donetsk (dopo l'annessione della Crimea nel 2014) è una pessima notizia perché lascia in Ucraina una schiacciante maggioranza filo occidentale e anti russa. Se Putin si fermasse commetterebbe un incredibile errore strategico. Deve pertanto sconfiggere militarmente l'Ucraina per annetterla (in parte o completamente) o farne un paese satellite. Un accordo per creare una Ucraina neutrale appare impossibile perché si opporrebbero gli Stati Uniti che hanno bisogno dell'aggressione per giustificare le sanzioni contro Mosca (e conseguenti contro sanzioni) al fine di allentare i rapporti commerciali tra Russia da una parte e Germania (e in misura minore l'Italia e altri paesi) dall'altra. In tal senso hanno già incassato il blocco di Nord Stream 2. L'invasione deve avvenire prima che il disgelo trasformi le pianure ucraine in paludi che renderebbero difficoltoso (se non impossibile) l'avanzamento dei carri armati russi.
  10. Buongiorno, anche se oggi viste le notizie che arrivano dall'est Europa, non è un buongiorno.
  11. Se si sente il miagolio è segno buono.
  12. Nove volt è pochissimo, puoi provare a ricaricarla, ma è quasi certo che andrà cambiata.
  13. L'invasione di ampi territori dell'Ucraina da parte della Russia converrebbe per ragioni strategiche sia a Mosca che a Washington. Mosca riavrebbe il "suo" stato cuscinetto tra sé e la NATO. Washington otterrebbe il raggiungimento dell'obiettivo strategico che ha individuato il Pentagono: allentare i rapporti commerciali tra Russia e Germania (si veda Nord Stream 2), ma anche Italia e altri. La guerra sarebbe il pretesto migliore per l'applicazione di sanzioni durissime contro la Russia che attuerebbe le conseguenti ritorsioni. Biden pubblicamente diffida Putin dall'iniziare la guerra, ma gli ha spianato la strada in ogni modo: garanzia di non intervento USA sul piano militare e spostamento dell'ambasciata a Leopoli per scongiurare ogni rischio di coinvolgimento di cittadini statunitensi. Le speranze che non si verifichi un'invasione su larga scala (ci sono scenari alternativi) sono legate in primo luogo agli alti costi che la Russia dovrebbe affrontare per la guerra, l'occupazione di un paese in maggioranza ostile e per le sanzioni. A Putin inoltre rimarrebbe come unico grande interlocutore la Cina con la quale dovrebbe trattare da una posizione di inferiorità. Ma anche gli USA dovrebbero mettere in conto una grave perdita di consenso nei loro confronti da parte delle opinioni pubbliche europee e soprattutto si troverebbero nell'altro scenario di crisi, Taiwan, la Russia alleata (in qualche maniera) alla Cina. Per noi cittadini dell'UE una completa disfatta dell'Ucraina avrebbe conseguenze nefaste: milioni di profughi (previsione di Baiden) da accogliere, tariffe energetiche ancora più alte, impossibilità di trovare in tempi brevi fornitori alternativi di materie prime (il Qatar non basta), impossibilità di esportare in Russia i prodotti della nostra industria manifatturiera. La maggioranza degli ucraini è filo occidentale, ma potrebbe rinunciare al diritto di auto determinarsi in cambio della pace: sono scelte. Nel caso bisognerà vedere se gli USA (che nel frattempo insieme agli alleati hanno inviato a Kiev armi e denaro) gli permetteranno di accordarsi con i russi, in caso contrario potrebbe scoppiare una guerra civile. Non ci resta che incrociare le dita
  14. Ciao Mirko, benvenuto!
  15. Buongiorno Milena, benvenuta!
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.