Jump to content

TV:film programmi e appuntamenti da non perdere!


Recommended Posts

Apro questa sezione che non c'entra nulla con le Mini ma che spero possa essere utile.

 

Pensavo di mettere qui le nostre dritte su film o programmi che usciranno di giorno in giorno...che secondo voi sono interessanti e che andrebbero visti!

Si può spaziare dal bel film anche datato al programma di dibattito che parla di notizie di attualità o al cartone...insomma qualsiasi cosa che vi ha colpito e che volete trasmettere agli altri.

 

 

Inizio io:

 

Sabato 28 marzo alle 21.00 ci sarà la replica del film d'animazione cinematografico di Hayao Miyazaki, Il castello errante di Howl, andato in onda in prima visione lo scorso gennaio su Rai Tre.

 

Per chi non lo avesse visto, io lo consiglio vivamente...a prescindere dalla vostra simpatia per i cartoni animati, la quele dicitura è riduttiva e per me quasi dispregiativa,anche perchè questi capolavori non andrebbero nemmeno chiamati cosi, ma film d'animazione!

 

Spero vi piaccia! |055|

Link to comment
Share on other sites

bravo kripstak!

io segnalo le serie da non perdere (per gli aficionades)

 

tutti i LUNEDì: Senza traccia (rai 2)

tutti i GIOVEDì: C.S.I. (italia 1)

tutti i VENERDì: E.R. (rai 2)

tutti i SABATI: Cold Case - Delitti irrisolti (rai 2)

Link to comment
Share on other sites

Apro questa sezione che non c'entra nulla con le Mini ma che spero possa essere utile.

 

Pensavo di mettere qui le nostre dritte su film o programmi che usciranno di giorno in giorno...che secondo voi sono interessanti e che andrebbero visti!

Si può spaziare dal bel film anche datato al programma di dibattito che parla di notizie di attualità o al cartone...insomma qualsiasi cosa che vi ha colpito e che volete trasmettere agli altri.

 

 

Inizio io:

 

Sabato 28 marzo alle 21.00 ci sarà la replica del film d'animazione cinematografico di Hayao Miyazaki, Il castello errante di Howl, andato in onda in prima visione lo scorso gennaio su Rai Tre.

 

Per chi non lo avesse visto, io lo consiglio vivamente...a prescindere dalla vostra simpatia per i cartoni animati, la quele dicitura è riduttiva e per me quasi dispregiativa,anche perchè questi capolavori non andrebbero nemmeno chiamati cosi, ma film d'animazione!

 

Spero vi piaccia! |055|

 

Bel topic e ottima segnalazione... rec-mode! |046|

 

A proposito d Miyazaki e del castello di Howl incollo alcune mie osservazioni scritte tempo fa sul sostrato nipponico dei film del geniale disegnatore.

Le sue produzioni non presentano difficoltà insormontabili per un pubblico occidentale, altrimenti sarebbe incomprensibile il suo sdoganamento. La cultura nipponica fa da base a tutte le sue opere, ma le storie che racconta hanno evidentemente un respiro universale. Non c'è quasi mai una morale di facile lettura, ma una opinione sul mondo che resta, appunto, confinata nel vissuto di chi la esprime, senza pretendere di assurgere a paradigma. Miyazaki non cade nella trappola assolutista, non è buonista, non si lascia irretire dai luoghi comuni abusati nell'animazione statunitense in cui c'è una tipizzazione granitica, facilmente riconoscibile. Un linguaggio mai banale, e questo vale per buona parte dei titoli dello Studio Ghibli, che vuol piacere senza però mirare ad assecondare il pubblico, rendendosi semplificatoriamente accessibile e leggibile a tutti i costi. Lo spettatore è chiamato ad un lavoro ermeneutico che l'animazione americana non chiede, deve raccogliere i pezzi e unirli per trovare significati e leggere tra le righe. Insomma, non sono film adatti a un pubblico pigro, quello che pensa al Cinema come forma di intrattenimento e nulla piu'.

Apro parentesi: annoiarsi al cinema per molti è sinonimo di film impegnato. Eppure dovrebbe essere esattamente il contrario, o comunque dovrebbe essere chiaro che a vedere sempre film disimpegnati ci si annoia maledettamente. E, invece, almeno nella mia esperienza, sembra che sia il contrario... mah!

 

Il castello errante di Howl.

Se paragonato agli ultimi due film di Miyazaki sembra addirittura semplice, ma, appunto, confrontandolo ad altre sue opere. In termini assoluti, e soprattutto per un pubblico occidentale digiuno del'animazione targata Ghibli, resta un film complesso. La realtà del film è dominata dalla guerra, conflitti che sono semplicemente il pretesto per conservare o aumentare il potere. Come d'abitudine, Miyazaki non contrappone buoni a cattivi, e lo fa deliberatamente. Ma per un giapponese ciò è normale, abituato a una cultura che non conosce la dicotomia come quella occidentale. I suoi personaggi sono capricciosi, alternano debolezze infantili a posizioni drammatiche e tragiche con assoluta naturalezza. Bizzosi come vegliardi, possono essere altresì determinati come un ragazzino (Calcifer). Probabilmente al pubblico pigro dà fastidio che Miyazaki non specifichi le ragioni e la dinamica del conflitto, ma questo espediente gli permette di liberarsi del contingente per assurgere le sue storie a valori universali e atemporali. Il castello di Howl è un luogo precario, fatto di scarti, di avanzi, ma è anche un luogo sincronico in cui abitano epoche e luoghi diversi, attraverso le sue porte magiche è possibile coprire grandi distanze senza uscire di casa. Fa quello che dovrebbe fare una grande tecnologia; forse il castello è una geniale metafora del mondo, dove vecchio e nuovo si toccano costantemente.

E questo non sempre è chiaro all'uomo moderno.

 

saluti

r(ed)

Link to comment
Share on other sites

Piccolo OT molto breve...

mi fà piacere che ti sia piaciuto questo post...sono un'appassionato di Miyazaki e dei suoi film.

 

Per ricollegarmi al tuo discorso sulla trama e sulle scene di fondo costituite dalla guerra che imperversa sulla terra, mi è venuto subito in mente anche "Porco rosso" ancora inedito in italia anche se è datato 1992 in giappone.

Anche lì la storia si svolge durante la guerra e all'epoca del fascismo in italia... parla di vicende sempre personali,non fà mai riferimento a che guerra sia,perchè sia scoppiata o su come sia stato possibile la trasformazione del protagonista!

Insomma non si permette di dare giudizi o di trarre conclusione, tende sempre a lasciare al pubblico l'ultima parola!

Anche sul castello errante di Howl, non ci sono i cattivi per antonomasia, ci sono solo dei personaggi che hanno fatto delle scelte che li hanno portati a delle conseguenze positive o negative che siano!

Insomma tutto molto lontano ideologicamente rispetto ai cartoni animati stereotipati che ci vengono in mente quando si parla di questo genere di materiale visivo!

 

A giorni dovrei andare a vedere Ponio del promontorio sul mare che mi ha incuriosito molto...ma mi sembra di aver letto che qui M. ha voluto creare una storia per i suoi bambini, quindi con temi,anche di fondo, più adatti alle tenere età...anche se su IMDB gli danno già 8.1 come voto...la curiosità aumenta! |055|

Link to comment
Share on other sites

Piccolo OT molto breve...

mi fà piacere che ti sia piaciuto questo post...sono un'appassionato di Miyazaki e dei suoi film.

 

Per ricollegarmi al tuo discorso sulla trama e sulle scene di fondo costituite dalla guerra che imperversa sulla terra, mi è venuto subito in mente anche "Porco rosso" ancora inedito in italia anche se è datato 1992 in giappone.

Anche lì la storia si svolge durante la guerra e all'epoca del fascismo in italia... parla di vicende sempre personali,non fà mai riferimento a che guerra sia,perchè sia scoppiata o su come sia stato possibile la trasformazione del protagonista!

Insomma non si permette di dare giudizi o di trarre conclusione, tende sempre a lasciare al pubblico l'ultima parola!

Anche sul castello errante di Howl, non ci sono i cattivi per antonomasia, ci sono solo dei personaggi che hanno fatto delle scelte che li hanno portati a delle conseguenze positive o negative che siano!

Insomma tutto molto lontano ideologicamente rispetto ai cartoni animati stereotipati che ci vengono in mente quando si parla di questo genere di materiale visivo!

 

A giorni dovrei andare a vedere Ponio del promontorio sul mare che mi ha incuriosito molto...ma mi sembra di aver letto che qui M. ha voluto creare una storia per i suoi bambini, quindi con temi,anche di fondo, più adatti alle tenere età...anche se su IMDB gli danno già 8.1 come voto...la curiosità aumenta! |055|

 

Quoto... il motivo che sostiene la tua accorta analisi è proprio da ricercare nella cultura nipponica, decisamente anti-manichea.

Ponyo andrò anch'io a vederlo a giorni... |046|

Come al solito il doppiaggio ci farà perdere gran parte della magia, in attesa del DVD... |048|

 

saluti

r(ed)

Link to comment
Share on other sites

Non mi dire che conosci anche la lingua giapponese cosi bene da seguire un film in lingua originale!?!

Proverei un'invidia(e un'ammirazione per essere risucito ad impararla) senza limiti! |077|

Un mio sogno è anche fare un viaggio proprio nella terra del Sol levante,ma già mastico poco l'inglese,figuriamoci!!!

 

 

Ritornando in topic forse qualcuno è interessato al signor Roberto Saviano,

allora si sintonizzi stasera su raitre alle 21.10 per vedere il programma di Fabio Fazio "Che tempo che fà".

Link to comment
Share on other sites

Onestamente sto Saviano comincia un po' a stuccarmi... quando il personaggio supera il messaggio che lo ha lanciato è ora di staccare secondo me.

Link to comment
Share on other sites

Non mi dire che conosci anche la lingua giapponese cosi bene da seguire un film in lingua originale!?!

Proverei un'invidia(e un'ammirazione per essere risucito ad impararla) senza limiti! |077|

Un mio sogno è anche fare un viaggio proprio nella terra del Sol levante,ma già mastico poco l'inglese,figuriamoci!!!

 

 

Ritornando in topic forse qualcuno è interessato al signor Roberto Saviano,

allora si sintonizzi stasera su raitre alle 21.10 per vedere il programma di Fabio Fazio "Che tempo che fà".

 

Il giapponese? ....seeeeeee.... troppo facile!!! |069| |069| |069|

Scherzi a parte, perché non vederli in lingua originale sottotitolati? |055|

 

Su Saviano d'accordo con 77Uan, a me non è mai interessato.

Sarà che quello che dice e scrive per un campano è storia vecchissima.

 

saluti

r(ed)

Link to comment
Share on other sites

Il giapponese? ....seeeeeee.... troppo facile!!! |069| |069| |069|

Scherzi a parte, perché non vederli in lingua originale sottotitolati? |055|

 

Su Saviano d'accordo con 77Uan, a me non è mai interessato.

Sarà che quello che dice e scrive per un campano è storia vecchissima.

 

saluti

r(ed)

 

 

Beh, da te me lo sarei anche potuto aspettare,vista la cultura che a volte ci "sforni" |055|

Posso dire che, avendo visto delle serie televisive sottotitolate in italiano, la differenza si nota...ad un certo punto mi era presa quasi la voglia di imparare,ma per mancanza di tempo e per la complessità della lingua ho desistito!

 

Riguardo Saviano posso dire che, oltre ad aver portato in mostra più delle istituzioni certe situazioni, adesso forse è diventato troppo appariscente, più di quello che scrive!

Però secondo me ci stà che tenga sempre "a galla" l'argomento per cui viene cosi tanto richiesto...sennò come succede sempre finirebbe nel dimenticatoio dopo pochi giorni!

Link to comment
Share on other sites

il mio modestissimo parere...sono cose ke TUTTI sanno (e nessuno può dire però....), ke ci sono da anni e anni (generazioni intere) e ke se ne può parlare anke all'infinito ma nn cambierà mai nulla qui!!...è inutile prendersi x i fondelli...la camorra è così ampia e organizzata ke nn si sconfiggerà mai...se parlano solo 2/3 persone ma anke 100-200 persone nn è ke cambi molto...cambia solo la loro vita ke diventerà un vero INCUBO!!...si rovinano da soli sperando e pensando di diventare eroi quando invece hanno firmato solo il contratto con la morte o si sono tolti una cosa essenziale secondo me...LA PROPRIA LIBERTA'!!

Link to comment
Share on other sites

il mio modestissimo parere...sono cose ke TUTTI sanno (e nessuno può dire però....), ke ci sono da anni e anni (generazioni intere) e ke se ne può parlare anke all'infinito ma nn cambierà mai nulla qui!!...è inutile prendersi x i fondelli...la camorra è così ampia e organizzata ke nn si sconfiggerà mai...se parlano solo 2/3 persone ma anke 100-200 persone nn è ke cambi molto...cambia solo la loro vita ke diventerà un vero INCUBO!!...si rovinano da soli sperando e pensando di diventare eroi quando invece hanno firmato solo il contratto con la morte o si sono tolti una cosa essenziale secondo me...LA PROPRIA LIBERTA'!!

 

Beh, Saviano avrà anche perso "certa" libertà, ma ne ha trovata "dell'altra".

Ogni libertà ha un prezzo da pagare, c'è chi la paga con la sua vita (Falcone, Borsellino, Giuseppe Impastato Mino Pecorelli, Giancarlo Siani), chi questa libertà la consuma vivendo sempre al limite, ma c'è anche chi baratta questa libertà con una prigione dorata.

Non vorrei essere malizioso (ma forse lo sono), con Saviano si fa molto sfumata la linea tra chi indaga realtà scomode e chi di queste realtà ne fa spettacolo. A me sembra che ai capibastone non dispiaccia questo Saviano, diversamente dalla manovalanza che lo farebbe volentieri a pezzetti.

 

saluti

r(ed)

Link to comment
Share on other sites

I personaggi che hai citato, mio caro Red, per come pensavano e agivano servivano da vivi e non da morti; avrei voluto che Peppino Impastato fosse vivo per continuare a sparlare a radio aut, non mi interessa che sia ora un eroe della collettività, egli è morto perchè l'hanno ammazzato non ha scelto di morire per glorificarsi e farsi osannare dai posteri; immagina se il primo pool di giudici antimafia non fosse stato decimato: Rocco Chinnici, Cap.Emanuele Basile, commissario Ninnì Cassarà, Falcone e Borsellino, anche ai tempi in cui operavano erano criticati, ma immagina quanto ancora avrebbero potuto lavorare, nulla di più, solo lavorare, perchè era questo che facevano.

Chi è vivo è affronta certe tematiche scomode non lo si può sempre accusare di secondi fini, economici e non; troppo riduttivo; insomma dai, mi aspetto da parte tua un ragionamento più fascinoso e coinvolgente.

Per quanto mi riguarda confido nel fatto che Roberto Saviano abbia tutto lo spazio che si meriti, il doppio di quello che dispone, ma anche il triplo, a me non dispiace affatto.

Link to comment
Share on other sites

I personaggi che hai citato, mio caro Red, per come pensavano e agivano servivano da vivi e non da morti; avrei voluto che Peppino Impastato fosse vivo per continuare a sparlare a radio aut, non mi interessa che sia ora un eroe della collettività, egli è morto perchè l'hanno ammazzato non ha scelto di morire per glorificarsi e farsi osannare dai posteri; immagina se il primo pool di giudici antimafia non fosse stato decimato: Rocco Chinnici, Cap.Emanuele Basile, commissario Ninnì Cassarà, Falcone e Borsellino, anche ai tempi in cui operavano erano criticati, ma immagina quanto ancora avrebbero potuto lavorare, nulla di più, solo lavorare, perchè era questo che facevano.

Chi è vivo è affronta certe tematiche scomode non lo si può sempre accusare di secondi fini, economici e non; troppo riduttivo; insomma dai, mi aspetto da parte tua un ragionamento più fascinoso e coinvolgente.

Per quanto mi riguarda confido nel fatto che Roberto Saviano abbia tutto lo spazio che si meriti, il doppio di quello che dispone, ma anche il triplo, a me non dispiace affatto.

 

Ho espresso tre categorie:

1. chi paga con la vita, ma non è una scelta;

2. chi paga vivendo costantemente sul filo di un rasoio affilatissimo, o in un'oscurità "molto scomoda";

3. chi paga "a scadenza", e con Saviano ci metto il Grillo nazionale e, per certi versi, Oriana Fallaci.

 

 

Questa categoria, nell'Oggi, non viene espunta dalla società ma "metabolizzata".

Il pericolo per queste persone non è "strutturale" (i capibastoni), ma eventualmente provocato da schegge impazzite (manovalanza).

 

saluti

r(ed)

Link to comment
Share on other sites

Ritorno in tema al topic(anche se il discorso era molto interessante) segnaandovi,

per chi fosse interessato (Suprex visti i lavori,magari ci scappa anche un'ampliamento! :wink: )

 

stasera alle 21.05 Anno zero "Il piano casa"

 

Si parlerà del nuovo piano sviluppato dal governo per far ripartire l'economia...argomento di forte attualità!

Spero vi interessi!

Link to comment
Share on other sites

Ritorno in tema al topic(anche se il discorso era molto interessante) segnaandovi,

per chi fosse interessato (Suprex visti i lavori,magari ci scappa anche un'ampliamento! :wink: )

 

stasera alle 21.05 Anno zero "Il piano casa"

 

Si parlerà del nuovo piano sviluppato dal governo per far ripartire l'economia...argomento di forte attualità!

Spero vi interessi!

 

L'idea de tuo topic così formulato risulta estremamente interessante, devo farti un complimento |065| , chissà se in questa maniera si riescano a tirar fuori delle buone cose che possano rendere la tv piacevole e interessante. |055|

Link to comment
Share on other sites

Ne sono felice ragazzi che vi piaccia! |055|

 

Se avete qualche dritta fatevi avanti...io ad esempio non ho sky, se qualcuno di voi vuole inserire qualche bel film o programma faccia pure!

 

Le dritte sono sempre ben accette! :wink:

Link to comment
Share on other sites

D'accordo che è sabato sera è nessuno di voi sarà in casa a guardare la tv...però ve lo posto lo stesso! :wink:

 

RAI3: 21.30 Ulisse - Il piacere della scoperta (CULTURA)

 

Il primo volo nello spazio di una donna

 

Alberto Angela ci racconta un'avventura spaziale avvenuta oltre 45 anni fa, ma di cui solo recentemente sono state fatte rivelazioni che gettano nuova luce sulla missione.

Si tratta del primo volo nello spazio di una donna: la cosmonauta russa Valentina Tereshkova. Ai tempi si parlò di un'avventura trionfale, addirittura di un nuovo smacco all'astronautica nascente degli Stati Uniti, dopo quelli legati al lancio dello Sputnik, della cagnetta Laika e di Gagarin. Ma la verità vuole che poco mancò che quel volo si trasformasse in tragedia.

 

Ma quali saranno gli scenari delle esplorazioni del futuro? Esistono altri pianeti oltre a quelli conosciuti? In questa puntata faremo il punto sulla ricerca di nuovi pianeti molto lontani in altri sistemi solari.

Stasera vi mostriamo ancora uno spettacolare documentario della BBC che ci conduce dalla vastità dello spazio alla profondità degli abissi marini dove tutto è buio e gelido ma dove c’è una vita ricchissima di forme, forme che ricordano un pò degli alieni.

 

Anche questa settimana vi mostriamo i preziosi siti dell’Unesco Patrimonio dell’Umanità sparsi nel mondo.

Nella rubrica dedicata a Leonardo da Vinci: Alberto Angela in studio con il Prof. Carlo Pedretti uno dei maggiori esperti al mondo su Leonardo da Vinci ci mostra un Leonardo “dietro le quinte”.

Link to comment
Share on other sites

Forse a non tutti piace, ma spesso e volentieri quello che dice è il futuro....vedi telecom parmalat bond argentini ecc!

 

Visto anche il fatto che in tv sono anni che non si faceva vivo...io penso di vederlo:

 

Stasera 1 Aprile su La7 ad "Exit" programma di Ilaria D'amico ci sarà Beppe Grillo!

 

Che sia un pesce d'aprile??? |051|

Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...